3 Consigli Alimentari

Quando si corre si deve fare attenzione a non cadere in quei piccoli sbagli che possono rischiare di compromettere la preparazione, o addirittura di vanificare gli sforzi compiuti. Qui sono elencati tre errori più comuni … a partire dalla tavola!

Non bere abbastanza

Dimentichiamo la vecchia convinzione per cui “più si suda, più si dimagrisce”. Attraverso il sudore, il nostro corpo disperde il calore in eccesso prodotto durante la contrazione muscolare, con una conseguente alterazione del bilancio idrico. È quindi importante reidratare i tessuti bevendo con regolarità prima, durante e dopo l’attività fisica.

Al termine dell’allenamento è possibile fare ricorso a soluzioni naturali che reintegrino velocemente vitamine e sali minerali.  Per pr epararare in casa una bevanda più gustosa, il segreto è mixare 250 ml di succo di frutta di stagione (ad esempio mela, albicocca o pesca) con 750 ml di acqua e un pizzico di sale.

Sottovalutare la vitamina C

Spesso associata ai rimedi naturali contro raffreddori e malanni invernali, la vitamina C è in realtà fondamentale anche quando si pratica sport. Come antiossidante, è infatti in grado di proteggere l’organismo dallo stress ossidativo dovuto all’attività sportiva.  Favorisce inoltre l’assorbimento del ferro, il cui ruolo è cruciale per combattere la stanchezza e ottimizzare le prestazioni.

Gli alimenti più ricchi di vitamina C sono diversi frutti freschi (agrumi, ananas, kiwi, fragole, ciliegie, mango, guaiava, ecc.),

Saltare la colazione

Anche se la mattina vi sentite pieni di energie, resistete alla tentazione di fiondarvi a correre appena scesi dal letto: non c’è nulla di più sbagliato che svolgere attività fisica completamente a digiuno. La scelta ideale è quella di mangiare sia prima dell’allenamento (per avere la giusta carica), sia dopo (per riportare l’equilibrio dell’organismo a livelli ottimali). Il menu è personale e varia in base ai gusti, ma quello che non può mai mancare è un frutto zuccherino: il glucosio che contiene serve non solo a produrre energia, ma anche a preservare la massa magra.

I commenti sono chiusi.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: